RADIOL'ONDrA 2.0 - uno strumento contro la disinformazione sulla protesta dei ricercatori

Stampa
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Arrivano notizie che, qui e là nelle varie Università, qualche buontempone va dicendo che nell'Ateneo vicino, magari nella Facoltà che fa concorrenza alla sua, tutti i ricercatori avrebbero ritirato le indisponibilità. Che "c'era un accordo da lungo tempo" e che si sapeva che i Ricercatori sarebbero tornati sui loro passi... Verifiche alla mano, nel 99% dei casi questo si rivela NON vero.

Visto che questa si chiama disinformazione, la Rete29Aprile ha pensato di prendere esempio dalla storia…

Nella seconda guerra mondiale, lo sappiamo tutt*, Radio Londra era un faro contro la guerra psicologica dell'Asse, che mirava a far credere che gli alleati ogni giorno perdevano una battaglia, dunque presto avrebbero perso la guerra. Quella radio, invece, raccontava alla gente come stavano veramente le cose; sappiamo bene com’è andata a finire.

Posto che i dati corretti ed aggiornati sull'indisponibilità sono quelli raccolti grazie all'eccezionale lavoro dei ricercatori di Torino (http://ricercatori-unito.it/), che aderiscono alla Rete29Aprile e che quindi sono pubblicati anche in questo sito (CLICCA QUI), abbiamo pensato di utilizzare i canali informativi disponibili per una corretta informazione, lanciando una "operazione" cui abbiamo voluto dare il nome di RADIOL'ONDrA 2.0

E' molto semplice: se provano a convincervi con informazioni diverse da quelle delle tabelle appena ricordate, verificate l'elenco che segue e scrivete una email al/alla collega della Facoltà la cui indisponibilità è messa in dubbio. La verità salterà fuori facilmente.

Di una cosa vi preghiamo: se verificate che vi sono state date informazioni false, sarebbe utilissimo per tutt* se raccontaste sul FORUM come stanno le cose. La Rete29Aprile invierà poi a chi era in possesso di informazioni errate i dati reali. Questo aiuterà a dissuadere coloro che vogliono utilizzare comportamenti scorretti, per di più per contrastare una legittima richiesta di dialogo sulla riforma dell'Università che - ma come mai è così difficile farlo comprendere? - avanziamo nell'interesse di tutti; certamente in quello di chi vuole un'Università libera, pubblica e aperta.

Un ENORME GRAZIE alle colleghe e ai colleghi di Ateneo e di Facoltà che forniscono la loro fondamentale collaborazione!

{iframe width="450" height="800" ...}https://spreadsheets.google.com/pub?key=0AgaQEpJZ_J2MdEotVnNtM3NURkFWaFNsd2F6SHVRZHc&authkey=CMn0ytgB&single=true&gid=1&output=html&widget=true{/iframe}

Saturday the 23rd. Design: Hostgator Coupon. Rete29Aprile
Copyright 2012

©