Uncategorised

24 Novembre: per il riscatto dell'Università pubblica

Valutazione attuale:  / 0

La Rete29Aprile sostiene la giornata di mobilitazione del 24 Novembre per il Riscatto dell'Università Pubblica, promossa in modo unitario da tutte le componenti presenti negli Atenei. Per maggiori informazioni cliccare sul banner che segue.

banner-24

Una analisi del CUN sui regolamenti ex art. 18 e 24 della 240/10

Valutazione attuale:  / 0

Al link che segue si trova una interessante analisi comparativa, appena realizzata dal CUN, dei regolamenti redatti da vari atenei ex art. 18 e 24 c. 6, previsti dalla legge 240/10 per l'immissione nei ruoli di I e II fascia.

Molto interessante - benché non nuovo - il richiamo del Consiglio Nazionale alla proposta (che anche la Rete29Aprile storicamente avanza) di distinguere le procedure di reclutamento da quelle per la progressione di carriera.

CUN su Regolamenti ex art. 18 e 24 c.6 previsti dalla legge 240/10

Assemblea Nazionale

Valutazione attuale:  / 0

insieme per il riscatto delluni pubblicaLa Rete29Aprile sostiene l'Assembla Nazionale degli studenti e lavoratori universitari per il riscatto dell'Università pubblica, che si terrà il 6 novembre a Torino.

L'Assemblea è indetta, sulla scia di una precedente Lettera aperta alla Ministra (ancora aperta alla firma), per "fare sintesi delle proposte di mobilitazione che stanno emergendo negli Atenei italiani e convergere su una grande azione di mobilitazione condivisa e nazionale."

Convocazione dell'Assemblea 

Convocazione della CRUI in qualità di "organo rappresentativo dei “datori di lavoro” dei docenti universitari" e risposta della Rete29Aprile

Valutazione attuale:  / 0

Il 13 settembre 2017 la Rete29Aprile ha ricevuto, così come altre organizzazioni, una "convocazione" da parte della CRUI. La Conferenza dei Rettori, qualificandosi in modo piuttosto bizzarro e discutibile come ''organo rappresentativo dei "datori di lavoro" dei docenti universitari'', poneva come oggetto dell'incontro la "Regolamentazione [dell'] astensione collettiva dei docenti universitari". Mettendola sul piano dell'ironia, se la CRUI si definisce "organo rappresentativo dei "datori di lavoro" dei docenti universitari", osserviamo che, in base alla stessa logica, la Rete29Aprile può allora fregiarsi di essere un "organo rappresentativo dei "datori di lavoro" dei Rettori", giacché questi vengono eletti (anche) dai docenti.

Seriamente, come R29A ci sembra che l'astensione collettiva dei docenti non sia per nulla un problema urgente, mentre crediamo ci sarebbe stata (e ci sia) un'infinità di cose fondamentali da discutere. Dal precariato ormai selvaggio agli insufficienti investimenti in formazione e ricerca; dal diritto allo studio spesso calpestato alla crescente frammentazione delle condizioni di lavoro nelle Università e alle disparità con altri settori non contrattualizzati; dai fondi e alle dotazioni di ricerca all'ormai insopportabile deriva anvurian-burocratica che finisce per rendere irriconoscibile (e talora impraticabile) il nostro lavoro. E molte altre cose ancora. In questi sette anni, però, mai abbiamo visto la Conferenza dei Rettori preoccuparsi di discutere di problemi così rilevanti con le diverse componenti dell'Università. Dai comportamenti (e omissioni) della CRUI avevamo invece ampiamente colto che il magnifico insieme si auto-rappresentasse non come una organizzazione rappresentativa dell'intero sistema universitario ma come una "associazione datoriale". Abbiamo dunque fatto presenti questi ed altri aspetti in una prima risposta pubblica, che si può leggere qui.

Leggi tutto...

[aggiornamento] Ai tempi di padri e padroni: l’Università dopo la Gelmini

Valutazione attuale:  / 0

Secondo quanto riporta Il Fatto Quotidiano, per il Rettore dell'Università di Roma Tor Vergata sarebbe stato chiesto il rinvio a giudizio nelle more di un procedimento di cui si è parlato in un precedente post (qui).

Di seguito riportiamo una fotografia dell'articolo, che appare nell'edizione del 9 giugno a pagina 11 (un click sull'immagine per ingrandire). 

novelli FQ 090617p11Esercitando la libertà di opinione che è propria di ogni cittadino, come Rete29Aprile torniamo a rivolgerci alla Ministra affinché valuti la sospensione del collega dalla funzione di Rettore, asupicando che lo stesso presenti le proprie dimissioni da questa carica.

 

10 Domande al Governo

Valutazione attuale:  / 0

A-QA

Il Ministro per lo Sviluppo Economico ha annunciato a Cernobbio un piano di sviluppo del sistema universitario italiano basato sul finanziamento di 4/5 poli di eccellenza finalizzati a fornire alle aziende migliori strumenti per la competizione tecnologica. Notizie di stampa hanno fornito ulteriori dettagli, indicando come questo sia un piano coordinato al più alto livello governativo, citando la Ministra per l’Università e la Ricerca, ed il Ministro per l’Economia.

Alla luce di queste informazioni, peraltro coerenti con quanto dichiarato in passato dal Primo Ministro(*), poniamo 10 domande allo scopo di chiarire la politica del governo in materia di ricerca.

 

Leggi tutto...

Lettera aperta ai Rettori circa l'ASN 2015

Valutazione attuale:  / 0

 

IncidenteTreno1948Ai Magnifici Rettori.

 

Come certamente saprete il Ministero è in procinto di approvare il DM contenente le soglie per i parametri per le procedure previste dalla Abilitazione Scientifica Nazionale su proposta dell’ANVUR.

La proposta dell’Agenzia di Valutazione ha generato numerose critiche da parte di organi altamente prestigiosi. Per tutti basti citare la Società Italiana di Fisica, l’Associazione Italiana dei Costituzionalisti, la Consulta di Area 10 e diverse altre società scientifiche, la Conferenza dei Direttori di Scienze.

Ma si tratta di conseguenze inevitabili di scelte contro cui ci siamo sempre battuti. Gli organi direttivi del Politecnico di Torino hanno ben inquadrato il problema dicendo che:

"gli indicatori numerici possano essere strumenti tecnicamente adeguati per determinare l’impatto scientifico di una struttura di ricerca ma risultino inadeguati per valutare la qualificazione scientifica dei singoli ricercatori, che non può che essere basata su un processo di peer review in grado di considerare l’intera attività dei candidati (...)".

Leggi tutto...

Uscita dalla PA? JobsAct? Una lettera aperta ai Rettori

"I docenti universitari non andrebbero considerati dipendenti pubblici"; "l'Università fuori dalla pubblica amministrazione"; "un JobsAct negli atenei"... ormai sull'Università si leggono e si ascoltano (non da documenti anonimi, ma articoli stampa o dalla viva voce di autorevoli personaggi, come il Ministro o la referente del Partito Democratico; posizioni sovrapponibili sono poi attribuite anche al Presidente della CRUI) prospettive molto allarmanti per gli Atenei. Con la scusa della semplificazione - che potrebbe e dovrebbe essere realizzata in modo assai semplice e rapido - molti indizi fanno pensare che il sistema universitario si stia imbarcando nell'ennesima, distruttiva avventura. Apparentemente (ancora una volta, come già nel 2010) nella totale assenza di una discussione ampia  all'interno della comunità universitaria e apparentemente (come già nel 2010) con il placet dei principali referenti delle singole Università, forse attratti dalla prospettiva del l'ormai noto refrain della figura di Rettore/Preside/Sindaco/Sceriffo. Per chiarezza e trasparenza lo abbiamo chiesto ai diretti interessati, inviando a ciascuno/a di loro una lettera aperta (pubblicheremo qui anche tutte le risposte che perverranno). Il testo è quello che segue (un click su "leggi tutto"):

Leggi tutto...

Friday the 24th. Design: Hostgator Coupon. Rete29Aprile
Copyright 2012

©